A proposito del Corno Stella scriveva nel 1973 Gian Piero Motti, nella sua monografia: «La più celebrata e famosa di tutte le montagne delle Alpi Marittime […] Fama e celebrità ben meritate, in quanto il Corno Stella è sicuramente una delle montagne più eleganti ed affascinanti di tutta la cerchia alpina.» Il versante sud-ovest è costituito da una muraglia vertiginosa, larga circa 300 metri e alta 500 metri, formata da grandi placche compatte, alla cui base sorge il Rifugio Bozano. Continuava Gian Piero Motti: «La roccia è in genere ottima, sovente magnifica, una sorta di gneiss granitoide a grana molto fine, lavorato a vaschette e piccole ondulazioni, che rende l’arrampicata molto elegante e sicura.»

E quindi eccoci, dopo 5 ore di macchina, al parcheggio del Gias delle Mosche (1591 m), da dove parte il sentiero che porta al rifugio Lorenzo Bozano (2453 m).

Il sentiero dopo un primo tratto ripido si fa più dolce e prosegue al centro del vallone dell'Argentera, portandoci gradualmente in un ambiente bellissimo di alta montagna. Dopo il primo salto compare la mole gigantesca dell’Argentera e, dopo un po’, alla sua sinistra finalmente la parete sud-ovest del Corno Stella. Solo all’ultimo, dopo aver risalito una faticosa pietraia, ecco il piccolo rifugio Bozano. Sono ormai due ore che camminiamo ed è una consolazione arrivarci.

al parcheggio
pubblicità prog...
sarà dura?
eh sì!
ma va pian!
il vecchio lari...
dai forza!
l'Argentera
eccolo!
il Corno Stella
i rifugi Bozano...
ghe semo!
il rifugio Boza...
che accogliente...
ma che bello!
come ai vecchi ...

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

This site uses cookies

EU e-Privacy Directive

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.

Iscriviti alle news

Iscriviti qui per ricevere le notifiche degli ultimi articoli inseriti


Ricevi gli aggiornamenti via RSS

Inserisci il tuo indirizzo e-mail: